Approfondimento

Star Wars: perché gli spin-off non funzionano?

Non c'entrano le produzioni interrotte i cambi di regia... la risposta è molto più semplice.

Perché Solo: A Star Wars Story ha avuto un così poco caloroso riscontro?
Ma, soprattutto, la Lucasfilm imparerà mai dai suoi errori?

Anche se la notizia della Lucasfilm che mette in pausa la produzione degli spin-off è risultata falsa, resta il fatto che l’ultimo film del franchise Solo: A Star Wars Story ha fallito al botteghino, e la sua produzione è stata piena di inciampi ed errori, causando numerosi cambiamenti e una grossa percentuale di scene rigirate. Tuttavia, questa potrebbe non essere la lezione giusta da imparare per la Disney. I problemi di produzione e le difficoltà finanziarie sono certamente fattori preoccupanti, ma l’attuale fallimento dell’impresa potrebbe essere semplicemente la scelta errata delle storie da raccontare.

Solo: A Star Wars Story, di Ron Howard | Recensione

Rogue One aveva una storia da raccontare, Solo: A Star Wars Story no

Star-Wars-Rogue-One-Jyn-Cassian.jpeg

Rogue One ha funzionato in modo inequivocabile. Nonostante non ci siano personaggi riconoscibili, al di là di Darth Vader, ha incassato oltre 1 miliardo di dollari in tutto il mondo e le recensioni sono state molto positive, rispetto agli episodi principali. Anche con problemi di produzione e scene tagliate, il film ha avuto un grande successo.

Fondamentalmente, però, è anche una storia che vale la pena raccontare. La prima vittoria dei Ribelli contro l’Impero, la squadra che ha rubato i piani della Morte Nera, e come la Principessa Leia è fuggita con loro, è stata nella mente dei fan di Star Wars sin dalla prima trilogia. Rogue One era un pezzo chiave della storia di Star Wars che si collegava direttamente agli episodi principali, ma aveva caratteri e temi che esistevano separatamente.

In Solo, invece, l’obiettivo del film è astratto e autoesplicativo: come Han è diventato il personaggio che noi tutti conosciamo. Ci sono un sacco di cose che devono essere successe nel suo passato, eppure nessuna di esse genera una genuina curiosità? La più grande “rivelazione” che abbiamo ottenuto dal progetto è stata la provenienza del nome di Solo.
Il fatto che Ron Howard sia alla fine riuscito a portare una storia degna di Star Wars è certamente impressionante, ma ha fatto ben poco per riscattare il pubblico e molti fan.

Solo: A Star Wars Story – 10 cose che forse non avete notato

Lucasfilm ha fatto una scelta sbagliata, e ora?

Still-of-Donald-Glover-as-Lando-from-Solo-A-Star-Wars-Story-trailer.jpg

Uno dei progetti più interessanti è senza dubbio quello su Boba Fett, un personaggio con una forte eredità grazie anche all’interessante presenza di una maschera che ne cela l’identità.
Lo stesso vale per Yoda o Jabba the Hutt: tutti questi personaggi si adattano a un chiaro desiderio del franchise di espansione, ma nessuno ha istintivamente un marchio di qualità.

Un film sulla prima Ribellione (che include Leia)? O un film sul cacciatore di taglie Boba Fett? Immediatamente hanno tutti uno scopo, prima ancora di provare a collegarli in una narrazione più grande. Ma quello che avrebbe potuto essere un buon film d’azione incentrato su una banda di criminali che recupera del materiale per l’Impero, è diventato un film su Han Solo, il cui pensiero dominante sembrava essere “fai un film su qualcuno che la gente ama e noi riempiremo gli spazi vuoti più tardi”.

Solo: A Star Wars Story – spiegazione del finale del film

C’è molta confusione su come la narrazione di Star Wars non-episodica funzioni.
Dare ad ogni personaggio di sfondo della trilogia originale un retroscena epico è un’importanza fondamentale, ma deve esserci una storia dietro. Le pellicole “A Star Wars Story” non sono inferiori, devono solo essere raccontate. Rogue One ha funzionato perché apparteneva al mondo di Star Wars. Solo ha molti problemi (ed essere un brutto film non è tra questi), ma proviene da una produzione e una concezione poco chiare. Lucasfilm si è concentrato sul marchio Star Wars. Avrebbero dovuto pensare di più alle storie.


Grazie della lettura!
Che la Forza sia con voi, sempre!

-Martina.

Ko-fi_Icon_Blue

Un commento su “Star Wars: perché gli spin-off non funzionano?

  1. Pingback: Star Wars: scenografo conferma che lo spin-off sarà ambientato su Tatooine – Il Viaggio nella Luna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: