Recensioni Serie tv

The Rain | Meglio non bagnarsi troppo

Portatevi un K-way se andate in Danimarca.

La pioggia è mortalmente noiosa nella nuova serie tv danese  targata Netflix

Trama: la pioggia è contaminata da un virus che trasforma il mondo in una scena apocalittica. Per sopravvivere, due fratelli, si rifugiano in un bunker ipertecnologico. Cinque anni dopo sono costretti a lasciarlo e a cercare di sopravvivere là fuori.

The Rain è basato sul racconto di Virginia Bergin, pubblicato nel 2014.

Attenzione: questa recensione non sarà professionale, chiedo scusa per il disagio.


A un certo punto credo di aver continuato a guardarla solo per ridere un po’.

L’idea era carina (anche se non proprio originale), l’intento per una cosa godibile anche, e quindi perché fa così schifo?

Ve lo dico io perché!

Perché  pura tua zia, che abita in un paesino sui monti in Abruzzo, ha l’abbonamento a Neflix!

“Ma no, ma la mia povera zia… cosa ha fatto di male?”

Niente, per carità. Stia tranquilla signora, torni pure a mungere le pecore.

Se prima Netflix utilizzava i soldi per produrre poche, ma eccellenti, serie tv, ora per riempire il catalogo e accontentare tutti ne sforna 5 o 6 al mese, e sono tutte soap opere mediocri.

Si senta in colpa, signora abruzzese! Torni su Rai3.

The Rain è un teen drama. È l’Hunger Games dei pigri.
Mi dispiace di aver superato l’età in cui non riesco a guardare una scena di 5 minuti con dei ragazzini che si fanno la doccia senza alzare gli occhi al cielo.
Mi dispiace di non avere più l’età in cui gli intrecci amorosi (certi sfiorano la pedofilia) infiniti mi fanno battere il cuore.
Ma lei sta con lui, oppure con l’altro? Ma quello biondo piaceva a chi? Ah, a tutte e tre? Ok.” 

La trama è ridicola, il plot twist finale è scontato.
Ho in esclusiva per voi la chat segreta degli sceneggiatori di The Rain:

“Sentite, sceneggiatori di film sull’apocalisse degli ultimi vent’anni, possiamo copiare da voi?”

“Si, ma cambiate qualcosa.”

“Ok!”

the-rain-recensione-della-nuova-serie-netflix-recensione-v3-38634-1280x16.jpg

Ma vogliamo parlare di quanto sia sottotono il pilot? Del modo imbarazzante in cui ci hanno presentato i protagonisti? L’avrei strozzato quel bambino pel di carota che continuava a fare domande.
E stacci rinchiuso in un bunker per 5 anni.

Ho una lista di scene ridicole salvate nella mia memoria, ma non voglio rovinarvi la giornata.

The Rain: vale la pena guardarla?

Si, se avete meno di 16 anni e non avete ancora sviluppato un senso critico.

Pro: l’ambientazione e la fotografia.
Contro: tutto il resto.

Un vero peccato, l’ho iniziata pensando fosse una serie adulta (non mi ero interessata abbastanza, evidentemente), si è rivelata Il Segreto post-apocalittico.
Le tematiche che affronta sono lodevoli: si parla di clima, di ambiente, di tutela del nostro mondo. Ma io ho percepito solo feromoni impazziti di teenager.

Studentessa di critica cinematografica, newser di professione. Amo il cinema perché è una porta verso infiniti mondi. E poi perché mi permette di mangiare pop-corn con una scusa. Vivo un episodio alla volta, come nelle serie tv. Più simile a Jack Torrance che a Jane Austen. Ho un sesto senso, ma non vedo la gente morta. Parlo poco e critico tanto.

2 commenti su “The Rain | Meglio non bagnarsi troppo

  1. […] Pro: l’ambientazione e la fotografia.
    Contro: tutto il resto. […]

    Morto xD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: