Film News

Harry Potter: Alan Rickman riteneva Piton sottosviluppato

Alan Rickman non era troppo contento del modo in cui Severus Snape è stato gestito nei film di Harry Potter nei primi anni della serie.

L’attore, tragicamente scomparso per cancro al pancreas nel 2016, ha brillantemente interpretato l’iconico cattivo (diventato eroe) nella fortunata serie di 8 film della Warner Bros. basata sui romanzi dell’autrice JK Rowling.

Considerato uno dei personaggi più importanti, Piton iniziò come professore sprezzante, stoico e spesso terrificante a Hogwarts. Comprensibilmente, ai fan non era piaciuto affatto. Ma era sempre curioso il motivo per cui il professor Silente sembrava fidarsi sinceramente di lui.
Inizialmente ritenuto un cattivo per la sua antipatia verso Harry Potter e i suoi amici,  ma l’enorme svolta nell’ultima puntata della serie di film/romanzi Harry Potter e i Doni della Morte ha rivelato la sua vera identità.
Tuttavia, Rickman era infastidito all’inizio, a causa del lento progresso del personaggio che lui stesso interpreta.

La collezione personale di lettere del defunto attore, che è stata messa all’asta, rivela molti dettagli su come si sia sentito veramente ad interpretare Piton. Come riportato da Deadline, una lettera inviata a Rickman dal produttore David Heyman sottintende che l’attore non fosse troppo contento della mancanza di sviluppo del suo personaggio nei film. “Grazie per aver reso HP2 un successo. So che a volte sei frustrato, ma ti prego di sapere che sei parte integrante dei film. E tu sei brillante”, ha scritto Heyman.
“HP2”, presumibilmente, sta per Harry Potter e la Camera dei Segreti pubblicato nel 2002.

414695-snape-always
Questo per farvi piangere un po’.

A questo punto era ancora troppo presto per sapere quanto sarebbe stato importante Piton per l’intera storia, dato che la serie cinematografica stava ancora stabilendo i personaggi e la storia complessiva del franchise.

Mentre il ruolo di Piton nella serie di libri è cresciuto molto, è solo verso la fine dell’avventura cinematografica che si scopre la sua vera natura. Nonostante “l’odio” nei confronti di Harry e di suo padre, James, il suo amore per Lily lo ha spinto a curare segretamente il ragazzo, combattendo coraggiosamente Lord Voldemort.

Si spera che Rickman, alla fine, sia stato contento per il modo in cui Piton ha concluso il suo arco narrativo. Considerando che alcune altre lettere della sua collezione personale rivelano che ha anche sviluppato stretti rapporti con la Rowling e il protagonista principale della serie, Daniel Radcliffe, è sicuro che si sia divertito a lavorare al progetto ed è stato orgoglioso del lavoro che ha fatto.

 

Studentessa di critica cinematografica, newser di professione. Amo il cinema perché è una porta verso infiniti mondi. E poi perché mi permette di mangiare pop-corn con una scusa. Vivo un episodio alla volta, come nelle serie tv. Più simile a Jack Torrance che a Jane Austen. Ho un sesto senso, ma non vedo la gente morta. Parlo poco e critico tanto.

0 commenti su “Harry Potter: Alan Rickman riteneva Piton sottosviluppato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: