I tempi della serialità | Le serie tv battono il cinema?

net.jpg
In un mondo sempre più affannato, di corsa e con poco tempo libero, i ritmi lenti delle serie tv sono quasi una rassicurazione.

Mentre il cinema è sempre più concitato e bulimico, nei serial sul piccolo schermo si ritrovano i ritmi lenti e sinfonici del racconto.
Un appuntamento fisso, una giornaliera evasione che puoi comodamente gustare sul divano di casa tua.

Ma anche un film posso gustarmelo comodamente seduto sul divano!

Si, ma dura, in media, il triplo rispetto un episodio.

E quelli che se ne guardano 4 di seguito? 

Guardare un serial equivale a un viaggio, sono creati apposta per aumentare di volta in volta la curiosità dello spettatore, intrattenendolo senza troppe pretese.
La lunga visione ci fa appassionare alla storia, ai personaggi, ai luoghi…
Un film ha solo 2 ore per colpirti, se non ci riesce è un flop. Se un episodio su 25 non è all’altezza si può recuperare; la televisione permette azzardi e tempi che al cinema non si possono nemmeno prendere in considerazione: può allungare il brodo, espandere una vicenda, creare spin-off…

E poi c’è la questione budget: una serie tv costa molto meno.

Ecco perché la gente fagocita episodi: perché la storia piace, emoziona e intrattiene.
Non c’è nulla da giudicare negativamente in questo, la colpa non è quasi mai del pubblico, ma di chi non finanzia bei film, semmai.

Non voglio affatto dire che siano meglio dei film, assolutamente no!
Non penso ci sia competizione tra le due forme narrative, perché alla fine si tratta di questo: raccontare.

Una volta le serie tv non raggiungevano gli standard qualitativi del cinema; oggi sono dei prodotti di magnifica raffinatezza (basti pensare a Fargo, dei fratelli Coen) e, mentre il cinema sforna capolavori davvero troppo poco spesso, per guardare una buona serie tv non c’è bisogno di aspettare.
Hai solo l’imbarazzo della scelta.

Inoltre, purtroppo, costa molto meno un abbonamento a Netflix rispetto all’andare al cinema una o due volta la settimana.

Mi piace paragonare il cinema a una grande metropoli e le serie tv a una cittadina di provincia.
Il primo veloce e instancabile, le seconde tranquille, paesaggistiche; perché lo spettatore deve abituarsi ai luoghi, riconoscerli.
Perché la nostra vita è una serie. Non un pezzo unico.


Con questo stralcio pazzerello volevo augurarvi BUONE FESTE, grazie per avermi regalato un altro anno insieme!

Ricordatevi sempre che, se non ci foste voi Lettori, questo sito sarebbe solo il diario di una pazza criticona.

Ci risentiamo dopo le feste (ma spero comunque presto)!

Se ancora non mi seguite su Facebook, fatelo!

10 commenti Aggiungi il tuo

  1. Buone feste a te cara.
    Ps. Sono in cerca di serie da vedere.
    Per ora mi sono solamente gustata il trono di spade.

    1. Martina Volonté ha detto:

      Grazie ❤️ oddio, potrei consigliartene a dozzine Ahahaha

      1. Fai pure!! Ahahah quando vuoi

        Sapendo che le storie d’amore nella serie non mi dispiacciono affatto 😉 😉

      2. Martina Volonté ha detto:

        Se ti piacciono belle zuccherose ti consiglio This is us, oppure meno mielose Love, però sono incentrate esclusivamente sui rapporti amorosi.

      3. Martina Volonté ha detto:

        Aaah ok bene bene!
        Mh dunque c’è Shannara ma è un po’ trash; Merlin (carina); Legend of the Seeker (cancellata alla seconda stagione purtroppo); Penny Dreadful (se ti piace il genere); Revolution (cancellata ma tecnicamente non si interrompe in modo brusco)… ai livelli di GoT non ci sono comunque, il fantasy nelle serie va preso un po’ con le pinze. Ti consiglierei Lost ma lo consiglio a tutti a prescindere ahaha

      4. Sì lost me lo sono segnato, ma è suuuper lungo e mi sono resa conto che io per godermi la serie la dilaziono molto nel tempo per non farla finire subito… anche se con lost forse non ne avrei il bisogno 😉

      5. Martina Volonté ha detto:

        È impegnativo ma ne vale la pena ❤️

  2. Vincenzo ha detto:

    bel tema di discussione…
    un tempo, come hai ben detto, le serie tv erano prodotti a basso budget, il banco di prova di attori, registi e mestieranti vari prima di approdare al grande schermo…
    oggi molte cose stanno cambiando: intanto i budget delle serie tv sono sempre più alti, anche perché la stessa concorrenza in quell’ambito è cresciuta enormemente… dall’altro lato c’è sempre più la tendenza di attori e registi già famosi e affermati a confrontarsi con le serie tv…
    di contro però c’è da dire che forse le serie tv stanno diventando anche troppe, e infatti non sono rari i casi di serie iniziate e interrotte dopo solo una stagione (magari anche a fronte di ottimi pilot e di una nicchia di pubblico affezionato – penso ad esempio a Flashforward)…
    per me il cinema resterà imbattibile, per una serie di motivi, ma è un mio parere soggettivo… tra qualche anno si saprà invece cosa ne pensa il grande pubblico anche se si iniziano a intuire certe cose…
    buone feste anche a te, ciao

    1. Martina Volonté ha detto:

      Grazie mille del commento!
      D’accordissimo con te 🙂

      Buone feste!
      Un abbraccio (in pieno stile Gianni Morandi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...